Avviso di selezione operatori “Progetto LO.V.I.T” – Prefettura di Lodi

Nell’ambito del Progetto “LO.V.I.TLodi verso l’integrazione territoriale”, Cooperativa LULE selezionerà quattro operatori che opereranno presso la Prefettura di Lodi, a rotazione ed in base alle necessità degli uffici, per svolgere l’attività di:

  1. Supporto al Consiglio territoriale dell’immigrazione e alla gestione Richiedenti Asilo;
  2. Sportello Unico per l’immigrazione (istruttoria pratiche e front office) e legalizzazione dei documenti
  3. Supporto all’ufficio Cittadinanza
  4. Accoglienza cittadinanza straniera e mediazione linguistico culturale in lingua araba, inglese o francese

Il progetto “LO.V.I.T Lodi verso l’integrazione territoriale” è finanziato ex fondi FAMI Obiettivo Specifico 2.Integrazione / Migrazione legale – Obiettivo Nazionale ON3 – Capacity building – Circolare Prefetture 2022 – IV sportello.


Tipologia di rapporto di lavoro:

Contratto di lavoro part-time a tempo determinato di 11 mesi. Tre operatori saranno contrattualizzati a 36 ore; un operatore a 17 ore (per la posizione con funzione di mediatore linguistico di lingua araba, inglese o francese).

Candidature e procedura di selezione:

Si richiede invio della candidatura, completa di CV, alla mail progettazione@luleonlus.it entro e non oltre domenica 29 gennaio.

I candidati selezionati per il colloquio, saranno convocati per la mattina di giovedì 2 febbraio presso la Prefettura di Lodi (Corso Umberto I, n° 40 – Lodi).

Area territoriale di intervento:

Lodi e provincia

Requisiti

Titolo di studio: Diploma di istruzione secondaria di secondo grado.

Esperienza pregressa: aver già svolto attività similari in materia di immigrazione presso una Prefettura. Le conoscenze in materia di immigrazione (T.U. immigrazione e leggi collegate) e le conoscenze del candidato relativamente al procedimento amministrativo (L.241/90) verranno valutate in sede di colloquio.

Requisiti aggiuntivi preferenziali: Sarà data preferenza ai candidati con competenze funzionali allo svolgimento di tutte le mansioni previste per i diversi ruoli.

Mansioni

Operatore a supporto del Consiglio Territoriale e gestione migranti:

  • Convocazione CTI, attività di segreteria, verbalizzazione, predisposizione slides, statistiche, grafici, ecc..;
  • Attività di inserimento dati, segreteria, elaborazione di statistiche e compilazione di modelli predisposti dall’ufficio nell’ambito della Gestione dei Richiedenti Asilo ex D.lgs.vo 142/2015;
  • Aggiornamento dell’applicativo interno “Presenze stranieri” con check in e check out dei Richiedenti Asilo nei centri di accoglienza e numerose attività connesse (creazione di un fascicolo per ogni migrante aggregando i protocolli di riferimento, predisposizione revoche dell’accoglienza e diffide sulla base dei modelli esistenti ecc..);
  • Attività di verifica dei requisiti per richiesta inserimento dei richiedenti la protezione internazionale nei progetti SAI (Servizio Accoglienza ed Integrazione) ex SPRAR e relative richieste. Monitoraggio e gestione trasferimenti.
  • Richieste all’INPS sul reddito percepito dai Richiedenti Asilo presenti nei centri ed attività successiva alla revoca per superamento del reddito per il recupero delle somme indebitamente percepite;
  • Ogni attività complementare alle attività sopra menzionate tra le quali: registrazione e protocollazione della posta in arrivo sia ordinaria che certificata, gestione dell’archivio (reperimento e classificazione atti), invio di corrispondenza e attività relazionali con enti esterni (Questura, Patronati, Comuni ecc…). Per ciò che concerne quest’ultimo punto, si precisa la particolare rilevanza che nell’ambito del CT assumono i rapporti con l’Ufficio di Piano per la condivisione delle politiche di migrazione e presenza stranieri nei settori dell’integrazione, della scolarizzazione e dell’inserimento nel mondo del lavoro,

Operatore addetto allo Sportello Unico:

  • Istruttoria e attività di sportello al pubblico nell’ambito dei procedimenti di ricongiungimento familiare, decreto Flussi 2020/2021, conversioni, art. 27 Tu immigrazione. Precisamente, per le pratiche di ricongiungimento, verifica dei requisiti soggettivi degli istanti, anche attraverso i rapporti con Ambasciate Estere e Consolati, e oggettivi (alloggi, redditi) con Enti Esterni, INPS e Comuni in particolare. Per il decreto Flussi, verifica requisiti anche con l’apporto dell’Ispettorato del Lavoro.
  • attività di Legalizzazione documenti: gestione degli appuntamenti agli utenti per il ritiro dei documenti e riconsegna, apposizione di legalizzazione e apostille, attività di sportello al pubblico e rapporti con gli utenti che richiedono informazioni telefonicamente o via email.
  • Test di italiano e formazione civica: rapporto con gli utenti telefonicamente e via email, convalida sessioni per i test di italiano e la formazione civica tramite il sistema Spi 2.0, trasmissione esiti ecc;
  • Ogni attività complementare alle attività sopra menzionate tra le quali: registrazione e protocollazione della posta in arrivo e gestione dell’archivio (reperimento e classificazione atti), invio di corrispondenza, attività relazionali con enti esterni (Questura, Patronati, Comuni ecc…), risposte alle email degli utenti di richiesta informazioni.

Operatore addetto alla cittadinanza:

  • istruttoria pratiche (es. predisposizione preavvisi di rigetto ai sensi dell’art.10 bis L.241/90 e accertamenti residenza continuativa e matrimonio);
  • svolgimento attività propedeutica all’emissione dei pareri di cittadinanza (es. controlli tramite applicativo Punto Fisco);
  • aggiornamento sistema Cives con i giuramenti effettuati a seguito di concessione di cittadinanza;
  • predisposizione elenchi dei decreti di cittadinanza da consegnare ai comuni e materiale consegna;
  • predisposizione elenchi per la Questura dei pareri da emettere;
  • predisposizione buste per le notifiche cartacee ove sia ancora nella disponibilità dell’ufficio l’atto di nascita in originale da riconsegnare all’utente;
  • gestione archivio;
  • Ogni attività complementare alle attività sopra menzionate tra le quali: registrazione e protocollazione della posta in arrivo, invio di corrispondenza, attività relazionali con enti esterni (Questura, Patronati, Comuni, ecc…), risposte alle email ed alle telefonate degli utenti.

Operatore con funzione di mediatore linguistico di lingua araba, inglese o francese

  • Alla luce della prevalenza di popolazione di lingua araba presente nella provincia, verrà altresì selezionato un operatore part-time di lingua araba che cooperi con la Prefettura mediante lo svolgimento delle attività amministrative di cui sopra nonché mediante lo svolgimento di attività di mediazione presso lo Sportello Unico. L’attività di mediazione linguistica consisterà nel supportare gli utenti con gli aspetti burocratici delle pratiche da presentare presso lo Sportello Unico (es. ricongiungimenti familiari, richieste di conversione ecc…), delle richieste di cittadinanza e delle legalizzazioni, per le quali l’aspetto linguistico costituisce spesso un ostacolo alla corretta comprensione delle procedure da effettuare. La figura svolgerà altresì attività di supporto nei sopralluoghi presso i Centri di Accoglienza Straordinaria mediante la traduzione in lingua araba dei questionari ministeriali da sottoporre agli ospiti dei centri. Verranno altresì prese in considerazione le candidature di soggetti madrelingua inglese o francese o in possesso della certificazione di livello C1 nelle lingue indicate, essendo ampiamente diffuse sul territorio. 

Per scaricare l’avviso – LINK

Lascia un commento