[give_form id="1392"]
Lule Onlus

Progetto "Mettiamo le Ali"

Scarica qui la relazione conclusiva delle attività del progetto “Mettiamo le Ali – dall’Emersione all’integrazione” Bando 5/2022 – cofinanziato dal Dipartimento Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – competenza territoriale: Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Pavia – periodo di realizzazione 01 ottobre 2022 – 29 febbraio 2024.

Mettiamo le Ali - Dall’emersione all’integrazione

Progetto sovra provinciale per la realizzazione del Programma Unico di emersione, di contatto, assistenza e integrazione sociale a favore degli stranieri e dei cittadini di cui al comma 6 bis dell’art. 18 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, alle vittime dei reati previsti dagli articoli 600 e 601 del codice penale, o che versano nelle ipotesi di cui al comma 1 del medesimo articolo 18 (art. 1, commi 1 e 3, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 16 maggio 2016).

Area territoriale di progetto

Lombardia 2: Province di: Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Pavia.

Durata

17 mesi: dal 01 marzo 2024 al 31 luglio 2025

Ente capofila

LULE  ONLUS – Cooperativa Sociale iscritta al Registro Nazionale degli enti e associazioni che operano a favore degli immigrati I Sezione n. A/704/2011/MI e II Sezione n. C/102/2002/MI (per quanti svolgono programmi di assistenza e protezione sociale disciplinati dall’Art. 18 del Testo Unico sull’Immigrazione). 

Enti attuatori

  • Associazione Casa Betel 2000 di Brescia
  • Associazione LULE ODV di Abbiategrasso (MI)
  • Associazione Micaela Onlus di Bergamo
  • Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione di Sesto San Giovanni (MI)
  • Cooperativa Soc. Farsi Prossimo di Milano
  • LULE Soc. Coop. Sociale Onlus di Abbiategrasso (MI)
  • Fondazione Somaschi Onlus di Milano
 

Obiettivo generale

Realizzare programmi di emersione, contatto, assistenza e integrazione sociale a favore di vittime di tratta e grave sfruttamento che intendano sottrarsi alla violenza e alle reti criminali del traffico di esseri umani.

Obiettivi specifici

  • Gestire azioni di primo contatto con le popolazioni a rischio di sfruttamento volte all’emersione delle possibili vittime di tratta, sfruttamento sessuale e lavorativo;
  • Gestire azioni di identificazione dello stato di vittima e accertamento della sussistenza dei requisiti per l’ingresso nei percorsi di protezione;
  • Offrire alle vittime programmi di protezione sociale;
  • Gestire percorsi di formazione, inserimento sociale e lavorativo per l’effettiva integrazione e autonomia personale.
  • Promuovere azioni di sensibilizzazione e formazione per operatori. cittadini italiani e stranieri.

 

Piano delle attività

Primo contatto con le popolazioni a rischio volte alla tutela della salute e all’emersione delle potenziali vittime di tratta e/o grave sfruttamento sessuale, lavorativo e accattonaggio, economie illegali e matrimoni forzati/combinati, con particolare attenzione alle persone richiedenti Asilo o titolari di protezione internazionale attraverso unità di contatto.

Azioni multi-agenzia di identificazione delle potenziali vittime inviate da Enti pubblici e privati ai fini dell’identificazione formale e successiva proposta di adesione al percorso di protezione sociale.

Formazione rivolta agli operatori di Enti pubblici e del privato sociale.

Sensibilizzazione sul tema della tratta e dello sfruttamento rivolta alla cittadinanza con una particolare attenzione agli studenti. Le attività prevedono anche installazioni teatrali ed eventi sul territorio.

Raccordo con il Numero Verde Nazionale contro la Tratta 800 290 290  reperibilità 24 ore su 24, per la gestione delle segnalazioni da parte di vittime di tratta, privati cittadini o enti pubblici/privato sociale.

Raccordo operativo con il sistema a tutela dei richiedenti/titolari di protezione internazionale e altre forme di protezione, attività di valutazione e orientamento in merito ai programmi di protezione sociale, presa in carico delle eventuali vittime identificate, lavoro di rete e di raccordo con le Prefetture, le Commissioni Territoriali competenti, i Tribunali, le Direzioni Distrettuali Antimafia, gli Enti Locali, gli enti gestori e titolari di CAS e SAI.

Percorsi di protezione sociale individualizzati con immediata accoglienza all’interno di comunità protette o attraverso la modalità della presa in carico territoriale. Il progetto garantisce supporto educativo, assistenza sanitaria, psicologica e consulenza legale.

Un Viaggio Dentro la Fiaba per Incontrare Eroi Super-Abili

Sostieni il nostro progetto per l'edizione 2023-2024

Multitasking 2.0

Progetto Multi-agenzia e task force contro le ingiustizie dello sfruttamento lavorativo

Mettiamo le Ali

8 enti attivi sulle provincie di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Lecco, Mantova e Pavia

Lo.v.i.t 2

Lodi verso l’integrazione territoriale

La rete antitratta

La rete del progetto sovra provinciale “Mettiamo le ali – Dall’emersione all’integrazione” è costituita da 7 enti attivi da numerosi anni sulle provincie di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Lecco, Mantova, Pavia con programmi di emersione, assistenza e integrazione sociale a favore di vittime di tratta e grave sfruttamento. Accanto a loro, una consistente rete territoriale composta da oltre 150 realtà.