Integrazione socio-lavorativa

 

ACCOGLIENZA IN SEMI-AUTONOMIA

L’attività è finalizzata a promuovere l’integrazione sociale e lavorativa delle persone che hanno avviato percorsi di uscita dal circuito della tratta ex art. 18.

Ad essa partecipano donne in possesso di permesso di soggiorno o in condizione di ottenerlo che dimostrino di aver maturato con consapevolezza la scelta del reinserimento socio – lavorativo e di possedere capacità di gestione autonoma di sè.

Viene realizzata definendo programmi individuali che prevedono l’accoglienza in appartamenti parzialmente autogestiti, l’orientamento al lavoro, l’accesso a percorsi di formazione professionale e l’accompagnamento all’inserimento lavorativo e alla piena integrazione sociale.

Alle persone seguite sono garantite inoltre: la presenza delle educatrici per alcune ore nel corso della settimana, attività di alfabetizzazione, consulenza psicologica, sostegno alla socializzazione, assistenza nell’iter amministrativo per l’ottenimento o il rinnovo dei documenti di soggiorno e accompagnamento all’autonomia abitativa.

L’equipe operativa è costituita da 1 coordinatrice, 3 educatori e 1 psicologa.

L’accesso avviene previo 2 colloqui con la coordinatrice.

I colloqui possono essere fissati telefonando in associazione o alla referente del servizio.

.

PRESA IN CARICO TERRITORIALE

Allo stesso modo dell’accoglienza in semi-autonomia, anche la presa in carico territoriale, è finalizzata a promuovere l’integrazione sociale e lavorativa delle persone che hanno avviato percorsi di uscita dal circuito della tratta ex art. 18. è rivolta, in questo caso, a coloro che avviano percorsi di integrazione sociale a partire da una condizione di autonomia abitativa stabile e idonea o sono inserite in una struttura non accredita ai sensi dell’art. 18, ma comunque idonea dal punto di vista educativo.

Ad essa partecipano donne ed uomini in possesso di permesso di soggiorno o in condizione di ottenerlo che dimostrino di aver maturato con consapevolezza la scelta del reinserimento socio – lavorativo e di possedere capacità di gestione autonoma di sè.

Anche in questo caso viene realizzata definendo programmi individuali che prevedono: l’orientamento al lavoro, l’accesso a percorsi di formazione professionale e l’accompagnamento all’inserimento lavorativo e alla piena integrazione sociale. Alle persone seguite sono garantite inoltre: la disponibilità delle educatrici per alcune ore nel corso della settimana, la consulenza psicologica, il sostegno alla socializzazione, l’assistenza nell’iter amministrativo per l’ottenimento o il rinnovo dei documenti di soggiorno.

L’equipe operativa è costituita da 1 coordinatrice, 1 educatrice e 1 psicologa.

L’accesso avviene previo 2 colloqui con la coordinatrice. I colloqui possono essere fissati telefonando in associazione o alla referente del servizio.

Vedi carta dei servizi (pdf.).

Lascia un commento