Creativi CERCASI, per la campagna di comunicazione e sensibilizzazione del progetto “Mettiamo le ali”

Associazione Lule Onlus lancia un bando creativo per operatori interessati a co-progettare insieme all’ente la campagna di sensibilizzazione e comunicazione prevista all’interno del progetto “Mettiamo le Ali 2.0”. Scopriamo insieme il velo che nasconde il dramma vissuto dalle vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale!

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L’IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE ALL’INTERNO DEL PROGETTO “METTIAMO LE ALI 2.0 – DALL’EMERSIONE ALL’INTEGRAZIONE”

AVVISO PER L’INDIVIDUAZIONE DI OPERATORI INTERESSATI A PARTECIPARE ALLA SELEZIONE DI UN FORNITORE DEL SERVIZIO

SCARICA IL BANDO –> link

NEWS –> scadenza prorogata a domenica 22 aprile

Nell’espletamento di indagini di mercato per interpello, propedeutiche all’affidamento diretto di forniture e servizi, pubblichiamo il seguente avviso pubblico finalizzato a raccogliere le manifestazioni di interesse degli Operatori economici interessati a co-progettare con l’Ente proponente Associazione Lule Onlus una campagna di comunicazione sul tema della tratta a scopo di sfruttamento sessuale di donne e minori. Il presente si caratterizza quale avviso esplorativo, volto a favorire la partecipazione e consultazione del maggior numero di soggetti potenzialmente interessati a fornire il servizio.

Tale campagna sarà finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza in merito alle condizioni in cui vivono e “lavorano” le donne (sovente minori) che troppo spesso guardiamo, senza vedere veramente, al bordo delle nostre strade. Ancora oggi, infatti, ai margini delle nostre città o all’interno di appartamenti celati nel cuore dei condomini che abitiamo, centinaia di donne sono costrette, in schiavitù, a vendere il proprio corpo, vittime dello sfruttamento da parte dei racket e al tempo stesso, dell’indifferenza di cittadini ignari di questo dramma.

La campagna di comunicazione e sensibilizzazione avrà inoltre lo scopo di far conoscere e dare visibilità a Mettiamo le ali 2.0 – Dall’emersione all’integrazione, progetto sovra provinciale finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità per la realizzazione di programmi di emersione, assistenza e integrazione sociale a favore di vittime di tratta e grave sfruttamento che intendano sottrarsi alla violenza e ai condizionamenti di soggetti dediti al traffico di persone

L’ente proponente non pone limiti in merito alle forme e modalità di attuazione della campagna in oggetto: sono ammesse quindi tutte le forme di espressioni artistica e di comunicazione, quali spettacoli teatrali, mostre fotografiche, redazione di libri, installazioni, campagne di pubblicità sociale, video, performance….

L’operatore dovrà, nello specifico, fornire i seguenti servizi:

  • Progettazione e realizzazione dell’attività di sensibilizzazione (l’intervento, almeno nella prima fase di definizione, andrà co-progettato con i referenti dell’ente proponente);
  • Individuazione delle location, nell’ambito delle provincie sotto indicate, in cui realizzare le attività;
  • Progettazione e realizzazione (in accordo con l’ufficio stampa dell’ente proponente) di materiale informativo strettamente connesso all’attività di sensibilizzazione e al progetto (cartelle stampa, materiale cartaceo, video, a seconda della natura e del tipo di attività di sensibilizzazione proposta);
  • Attività di ufficio stampa e di promozione dell’iniziativa di sensibilizzazione e del progetto a livello locale e nazionale
  • Nel caso in cui l’attività di sensibilizzazione preveda un’interazione del pubblico, presenza in loco di un operatore per contatto e distribuzione di materiale informativo.

Periodo: La fase di co-progettazione dovrà terminare entro il 30 giugno 2018. Le attività di sensibilizzazione dovranno realizzarsi tra il settembre 2018 e il febbraio 2019.

Dove: Il progetto Mettiamo le ali 2.0 – Dall’emersione all’integrazione si sviluppa all’interno delle provincie di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Lecco, Mantova, Pavia. Nell’intenzione dell’Ente proponente, la campagna dovrà raggiungere il maggior numero di provincie interessate.

Budget: Il valore massimo del servizio in affidamento, che verrà finanziato con risorse a valere sul Bando 2/2017 del Dipartimento per le Pari Opportunità, è determinato in euro 20.000 lordi (comprensivi di IVA) e comprensivo dell’impegno richiesto in sede di co-progettazione.

Contatti: comunicazione@luleonlus.it – 328 1481701 (Alessandro Boscardin)

Modalità e presentazione delle candidature La manifestazione di interesse dovrà essere redatta compilando l’Allegato “Scheda progetto” (LINK) che dovrà essere inviata, accompagnata dalla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità del sottoscrittore, esclusivamente a mezzo raccomandata entro e non oltre il 22 Aprile 2018 al seguente indirizzo: Associazione Lule, Via Novara 35, 20081 Abbiategrasso (MI) (farà fede la data di spedizione). A pena di nullità, la dichiarazione di manifestazione di interesse “Scheda progetto” dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante del fornitore interessato.

Il presente avviso è finalizzato ad una indagine di mercato, non costituisce proposta contrattuale e non vincola in alcun modo l’Ente proponente che sarà libero di seguire anche altre procedure. Associazione Lule si riserva di interrompere in qualsiasi momento, per ragioni di sua esclusiva competenza, il procedimento avviato, senza che i soggetti richiedenti possano vantare alcuna pretesa. Associazione Lule valuterà le proposte pervenute e procederà a contattare gli operatori ritenuti più interessanti per approfondire, in via conoscitiva, i dettagli, le modalità ed il budget della campagna di comunicazione e sensibilizzazione proposta. Una volta selezionato l’operatore candidato a fornire il servizio, prenderà avvio la fase di co-progettazione dell’attività di sensibilizzazione. A tal fine l’operatore dovrà rendersi disponibile a partecipare ad almeno due incontri presso la sede di Associazione Lule, sita in Abbiategrasso (MI), Via Novara 35. Al termine di tale fase si procederà all’eventuale affidamento e alla stipula del contratto.